giovedì 13 novembre 2014

Wertmuller - Melato un reciproco danno di Ezio Saia - Cinema



LA REGISTA LINA WERTMULLER e LA GUITTA MELATO di EZIO SAIA. 

Ricordate il film I Basilischi di Lina Wertmuller?

 Ricordate che bel film? 
Avevamo una grande regista che ha fatto un grande film. Perchè I Basilischi è un grande film! Poi, come spesso accade a molti registi, a molti narratori, a molti musicisti, fatta la primo opera, fatto il primo capolavoro, non riescono più a ripetersi e vivacchiano, come se con quell'opera avessero detto tutto quel che avevano da dire, come se vi avessero riversato tutte le emozioni che tenevano in serbo.
Eppure sono convinto che  Lina Wertmuller avesse ancora molto da dire.  
Il guaio fu per lei lavorare con un'attrice come la Melato. Grande attrice? Non lo so. Anche perché la sua fama di grande attrice si regge sulle interpretazioni teatrali non certo sui suoi film.
Nei film con la Wertmuller la Melato non è grande attrice ma è solo una Guitta. Una guitta esagerata. Esagerata nei modi, nelle espressioni, nella parlata, nelle smorfie. Una presenza capace di garantire un successo commerciale ai suoi personaggi e al tratto comico-grottesco dei film, ma pur sempre una presenza da Guitta e nulla di più. Film di successo quindi, un successo su cui la Wertmuller si è adagiata, accontentandosi e rinunciando a fare il suo mestiere di grande regista?