venerdì 29 agosto 2014

LA BAROCCA PROSA DI VANCE di E. Saia - LETTERATURA



Jack Vance   LETTERATURA

Sto rileggendo qua e là racconti di fantascienza tratti dall’antologia di Solmi e dal libro degli Ugo.
Alcuni sono comuni alle due raccolte.


Amo la prosa di Vance, la struttura, il vocabolo inventato, la sorpresa degli aggettivi, la straordinaria capacità di descrivere colori e paesaggi immaginari, inventati. Le trame e le vicende delle sue storie, i suoi mondi inventati sono tanto insensati da riuscire a sorprenderti. Come si fa a descrivere seriamente un mondo in cui l’attività fondamentale è la preparazione dei veleni? Inventa creature incredibili! Non sai mai se è serio, grottesco, sarcastico o ingenuo. Paesaggi stupendi, vocaboli stravaganti, funivie lunghe migliaia di chilometri, razze demenziali e l’incredibile dialogo. Tutti, donne, uomini, delinquenti, saggi, eroi, patrizi, plebei, criminali parlano con lo stesso ritmo e con lo stesso aristocratico vocabolario; come se tutti quanti, anche l’ultimo ubriacone, avessero preso almeno due lauree a Oxford.
Vance sei unico. Sono innamorato della sua fantasia e del suo linguaggio barocco. Scriverò ancora della tua fantasia vulcanica, traboccante, incontenibile. E della tua prosa, del tuo linguaggio, dei tuoi boschi, dei tuoi alberi, dei tuoi cannoni di sabbia.