mercoledì 24 settembre 2014

CHERUBINI - MUSICA - Ezio Saia


 

Cherubini - MUSICA

Di nuovo Cherubini. Questa volta l’intero Requiem in do. Un grande requiem! Molto religioso e nuovo rispetto alla musica religiosa barocca. Almeno per quel poco che ho sentito di musica sacra barocca. In Cherubini molta concentrazione, molta dolcezza e asciuttezza contemporaneamente.
Il pezzo migliore mi pare di gran lunga l’Agnus dei con la recita del Requiem eterna: musica divina e davvero ispirata. Insuperata nella sua concentrazione. Anche gli altri mi paiono molto ispirati. Accostarsi con animo semplice e pronto a commuoversi senza sbavare.

E’ probabile che Beethoven, che tanto amava la musica del compositore Cherubini, abbia amato questa composizione perché la sentiva vicino alla sua sensibilità.