giovedì 18 settembre 2014

IL FINALE DI MEDEA di E. Saia - MUSICA



IL FINALE DI MEDEA - MUSICA

Il finale di Medea con quel concitato intercalare di voci e strumenti! Di Medea, di Giasone, della folla! Fa venire la pelle d’oca. Solo il canto del popolo nel Boris con Boris morente mi fa quell’effetto. Finale, insistente, roccioso, tagliente, scolpito, Beethoveniano. Un’orchestra così non s’era mai sentita prima. E’ un attore totale, coi suoi ritmi, con la sua violenza, con l’incalzare degli strumenti e delle voci. Siamo veramente dentro la tragedia greca!  (Ma sarebbe ancora la stessa Medea senza la Callas?)
Eppure Cherubini non è solo tragedia e roccia. Il canto della nutrice al secondo atto è bello,dolce, lirico. Un’oasi di calma nella tempesta. E con la giusta strumentazione